[featured_image]
Download
Download is available until [expire_date]
  • Versione
  • Download 8
  • Dimensioni file 9.18 MB
  • Conteggio file 1
  • Data di creazione 8 Ottobre 2022
  • Ultimo aggiornamento 6 Dicembre 2022

La fase della transizione nell’ADHD


Relatrice: Assia Riccioni, assia.riccioni@ptvonline.it
Neuropsichiatra Infantile Policlinico Tor Vergata – Roma

L’ADHD è un disturbo del neurosviluppo caratterizzato da un pattern persistente di disattenzione e/o iperattività-impulsività. La prevalenza dell’ADHD è stimata intorno al 5-7% in età evolutiva e tra 2,5-5% in età adulta. In tal senso, un importante studio di meta-analisi ha recentemente messo in evidenza come non solo il 15% dei bambini con ADHD continui a soddisfare i criteri diagnostici entro i 25 anni d’età, ma che per il 65% degli individui inclusi, seppur si osservi un globale miglioramento dell’intensità sintomatologica si assista ad una persistenza di sintomi tali da compromettere in modo significativo il funzionamento adattivo dell’individuo. 

Tuttavia, ad oggi, i servizi dedicati alla popolazione adulta e alla fase di transizione non risultano ancora in linea con le attuali conoscenze scientifiche e con le concrete esigenze cliniche degli individui e delle famiglie coinvolte. 

La fase di transizione all’età adulta rappresenta un momento complesso e delicato, caratterizzato dall’incremento delle responsabilità, la necessità di incrementare le proprie abilità di problem solving, pianificazione e di autoregolazione emotiva e comportamentale.

Ne consegue come tale periodo di vita possa risultare particolarmente impegnativo per i giovani adulti con ADHD, i quali si trovano spesso a sperimentare delusioni accademiche, lavorative, sportive, con conseguenti vissuti di autosvalutazione ed inefficacia. In tal senso, è ben nota l’aumentata incidenza di possibili condizioni psicopatologiche associate all’ADHD nella fase di transizione, con particolare riferimento a disturbi d’ansia, disturbi dell’umore ed abuso di sostanze.

La comprensione dei fattori ambientali e neurobiologici che possono influenzare l’evoluzione a lungo termine dell’ADHD risulta fondamentale al fine di promuovere la costruzione di servizi terapeutici ed assistenziali specializzati che possano supportare e sostenere al meglio la persona con ADHD non solo nel corso dell’infanzia ma anche nella delicata fase della transizione all’età giovane adulta.


Convegno nazionale: "Gli aspetti dell'ADHD nel corso della vita"

Il convegno è stato organizzato da AIFA APS in collaborazione con l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Roma, 8 ottobre 2022.

Visualizza l'intervento sul canale YouTube:
https://youtu.be/twfwHkh1HEo